appuntamenti
appuntamenti
cosa abbiamo fatto
cosa abbiamo fatto
logo
logo
Home Appuntamenti Monsanesi XXII incontro regionale dello Scacciamarzo
XXII incontro regionale dello Scacciamarzo PDF Stampa E-mail
Lunedì 23 Marzo 2009 20:56

Segnaliamo con piacere questa allegra iniziativa monsanese  de La Macina.   

   Il Comune di Monsano, in collaborazione con La Macina, la locale Sezione dell’Avis, il Gruppo Protezione Civile e con il patrocinio della Regione Marche e della Provincia di Ancona, organizza, venerdì 27 Marzo, la ventiduesima edizione dello “Scacciamarzo", a cura del Centro Tradizioni Popolari, foto_1.jpginvitando tutti i bambini a riportare, casa per casa, alla maniera di una volta, questo nostro arcaico, festoso e rumoroso rito infantile di questua.

   Lo Scacciamarzo, è un antichissimo canto rituale di questua infantile, di cui nell’anconetano se ne è persa letteralmente la traccia e la memoria. Nel 1979 a Corridonia, nel maceratese, dove è stato raccolto, il rito del “caccià marzu” (stando al racconto dell’anziano informatore, Nazzareno Pesallaccia, detto Mengrè, contadino), veniva effettuato, sino ai primi anni del secolo scorso, da gruppi di bambini, l’ultimo giorno di marzo, con accompagnamento assordante di barattoli, campanacci e della sgràciola (rudimentale raganella dal suono simile appunto allo strumento usato nella liturgia quaresimale in sostituzione delle campane “legate”) costruita con delle semplici canne.

   Cortei di bambini, percorrevano le vie del paese e bussando di casa in casa portavano ad ognuno il canto augurale dello Scacciamarzo, per ricevere in cambio doni, ma soprattutto “l’ovo pe’ la ciambella” (tipico dolce marchigiano a base di uova, farina e zucchero). Se però il dono non veniva o tardava a venire, i bambini intonavano verso i padroni di casa (la vergara ed il vergaro) una sequela di maledizioni (in perfetta sintonia, del resto, con gli immancabili saltarelli finali e rafforzativi di richiesta doni dei canti rituali di questua dei grandi.

   Un esempio per tutti: e dopo aver cantado / non ci avede dado niente / guarda che bbella gente / che Cristo fa campà’). Il testo di questo raro e prezioso documento, ci è stato tramandato in una versione assai complicata e contaminata con la più nota e diffusa Pasquella dell’Epifania dei grandi. Il canto ha un’origine magico-pagana ed una inequivocabile funzione esorcizzante: quella di scacciare il “male” (l’inverno) e salutare e propiziare il “bene” (la nuova stagione, il sole, la primavera risorgente). 

  Come è ormai tradizione, quest’anno, insieme naturalmente a tutti i bambini delle Scuole Primarie di  Monsano, sono stati invitate alcune sezioni delle  Scuole Primarie di Montecarotto, Morro D’Alba e Polverigi e gli alunni della terza Elementare “Maria Montessori” di Chiaravalle.. Praticamente più di duecento bambini in festa di Monsano, Montecarotto, Morro D’Alba e Polverigi,  per lo “”Scacciamarzo” 2009  (questo nostro arcaico, gioioso e rumoroso rito infantile di questua) arrivato quest’anno al notevole traguardo dei venti anni.

   Nella mattinata di venerdì 27 marzo, il centro storico di Monsano sarà “travolto” da gruppi di bambini festosi, che chiederanno, in cambio dell’esecuzione dello “Scacciamarzo” piccole offerte di denaro, di dolciumi e soprattutto di uova, con le quali verranno fatte delle enormi frittate, che poi saranno offerte a tutti i bambini e i presenti, in una merenda comunitaria.

    La foto del Manifesto ufficiale è di Giorgio Cellinese.

PROGRAMMA “SCACCIAMARZO”
(Monsano,Venerdì 27 Marzo 2009)

Ore 10,00   -  Riunione di tutti i bambini di Monsano, insieme
                      a quelli provenienti da vari punti della Regione,
                      in Piazza Mazzini


Ore 10,30   -  Il canto rituale di questua dello Scacciamarzo,
                      viene portato, casa per casa, da cortei di bambini


Ore 11,00   -  Nella Piazzetta Matteotti, a conclusione dello
                      Scacciamarzo, con le uova raccolte nella questua,
                      verrà offerta dall’ Avis di Monsano, una merenda,
                      a base di frittata, a tutti i bambini presenti e ai loro
                      accompagnatori.


                               
Per informazione: LA MACINA  Telef. e Fax.:0731-4263 
                             
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   /   www.macina.net


Testo de lo
SCACCIAMARZO


Forra1 marzo dentro aprì’
fora ll’oi2 de’li contadì’
s’è ‘llamado3 lu camì’
me sse rrotta la pignola4
fori vergara5 dacce ll’ova

si cce dai qualche cosetta
tutto lo lì6  te se rifresca
ssi ccolesetta7 non ce voli dà’
tutto lo lì te se pozza seccà’

fade presto e non tardate
che dal ciel’ cadè lla brina
fa venì’ lla tremarella
dacce l’oi pe’ la ciambella

scappa fori ‘na vecchierella
con tre oi su llà pannella8
scappa fori ‘u vecchierello
con tre oi su lu cappellu

scappa fori la vergara
con tre oi su llà spara9
scappa fori lu vergà10
con tre oi su lle mà’

fade presto e non tardate
che dal ciel’ cadè lla brina
fa venì’ lla tremarella
dacce l’oi pe’ la ciambella

e se nun ce dade niente
che vve pija ‘n’accidente
tanti chioi11 su ppe’ la porta
tanti cegoli12 lla la groppa13

tante bollette14 sotto le scarpe
tanti cegoli llà le chiappe
tanti chioi su ppè llu muru
tanti cegoli lla llu culu

1. fuori
2. uova
3. franato
4. piccola giara di terracotta
5. padrona di casa
6. le gemme di lino
7. qualche piccola cosa
8. grembiule
9. salvietta da cucina
10. capo di casa
11. chiodi
12. foruncoli
13. dorso altra variante del verso:  tanti diaoli te sse porta
14. chiodini
 


da: Gastone PIETRUCCI, Cultura Popolare Marchigiana, Jesi, 1985, p. 308, n. 373
LA MACINA, C’era una volta Caterina nerina baffina de’la pimpirimpina…, Madau Dischi MD019,   1986, lato B, n. 5


 

 

Falconara Bcc
StudioGraficoD2
footer
Associazione Monsano Cult - Via Cesare Battisti 29 - 60030 Monsano (An) Italy - info@monsanocult.eu - P.Iva 02029910425 - Powered by StudioGraficoD2.it